I campi elettromagnetici agiscono sulla materia organica e inorganica combinando un insieme azioni meccaniche, elettriche, chimiche e magnetiche. È da questi presupposti che si ottengono risultati spesso sorprendenti, insperati e di certo irraggiungibili con altri mezzi.

Fondamentali sono i metodi con cui le onde elettromagnetiche vengono applicate. Gli effetti dipendono da una serie di impostazioni corrette delle forme d’onda, della potenza trasmessa e delle modalità di applicazione.

            I dispositivi elettromagnetici qui descritti, possono dunque essere utilizzati in qualsiasi ambito di ricerca.

Ognuno di essi, utilizzabile con qualsiasi generatore di frequenze o di segnale di tipo DDS (come lo Spooky2), è stato dapprima sottoposto ad una serie di misurazioni e sperimentazioni per poi individuare i metodi di costruzione che assicurino la massima durata e resistenza. Infine sono stati scelti i materiali migliori reperibili sul mercato.

Le descrizioni che seguono sono da intendersi come suggerimenti di utilizzo ed applicazione,

– per sperimentazioni nell’ambito della fisica, della chimica e della biologia;

– per apparati per uso estetico / terapeutico (Area Pro).

La scelta accurata dei materiali di costruzione di questi dispositivi è stata eseguita in modo che l’utilizzo possibile comprenda un target che va da chi intenda eseguire sperimentazioni sull’elettromagnetismo sino alle aziende che producono dispositivi per uso scientifico e terapeutico. Sono infatti il frutto di una continua attività di studio, finalizzata ad individuare le modalità più sicure, efficaci e rapide per riacquistare una condizione di benessere fisico, mentale, spirituale.